mercoledì 19 ottobre 2011

Maurizio Ceccato, Non capisco un’acca

Dal blog Who's the reader? l'inizio dell'interessante post su Non capisco un'acca:



Un accademico attaccabrighe
si accanì baccantico sul taccagno tabaccaio
braccato da una slovacca attaccabottoni
che bivaccava raccapricciante
con un baccalaureato.

Inutile dire che non capisco un’acca è molto più che una raccolta di filastrocche. E’ un libro d’artista, è un viaggio nell’immaginario, è una seduta psicanalitica, è un portfolio, è un gioco citazionistico (ma mica postmoderno eh, Ceccato se ne frega che noi si trovi il referente o meno), è una sfida al vocabolario, è lo zenith che può raggiungere la collaborazione fra un grafico e una casa editrice (Hacca, appunto), è la massima coerenza progettuale raggiungibile in un bagno di anarchia.

Continua meritevolmente qui :)


2 commenti:

smoky man ha detto...

Super-cool questo libercolo!

N3B ha detto...

almeno qualcosa di cool la posto pure io! ahaahah spero di trovarlo in qualche libreria per sfogliarlo dal vivo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ShareThis